NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Cookies policy

Accesso Utenti

Top Panel
Mercoledì, 22 Novembre 2017

La straordinaria condizione di siccità di questa estate ha portato con sé diversi aspetti, alcuni dei quali mai osservati in precedenza. E’ il ...
Leggi tutto
Da pochi giorni si è concluso il quinto stage di speleologia e chi meglio dei giovani allievi poteva descrivere meglio l'esperienza? Ecco di seguito ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
...Alessandro Gogna ha vissuto lo spirito e la pratica di entrambi questi momenti: <da che mondo è mondo ci sono stati tempi nuovi e sempre ci ...
Leggi tutto
Ero ancora in mezzo al mare per lavoro quando Gigi mi chiamò per questo nuova avventura. Croazia, la terra dei Balcani dove tra bianche spiagge ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
Cosa fare in caso di incidente in grotta, montagna, o in un semplice sentiero? Come aiutare un amico in difficoltà in attesa dell’arrivo dei ...
Leggi tutto
Lo scorso autunno una nutrita squadra di speleo si recò al Bombassei per il suo disarmo, per portare fuori i chilometri di corde che senza ...
Leggi tutto
Domenica 3 Luglio 2016 - Continuano le risalite al MilazzoRisalita al femminile la scorsa domenica all'abisso Franco Milazzo. Durante una veloce ...
Leggi tutto
Speleo Attitude alla fortezza "Firmafede" di Sarzana   23 – 24 aprile 2016. È il terzo anno che il GSLunense ha partecipato al raduno delle ...
Leggi tutto
Prev Next

Bilancio Idrologico - Deflusso

  • Categoria principale: ROOT
  • Pubblicato: Giovedì, 15 Ottobre 2009 14:40
  • Visite: 26894
  • 15 Ott


Il deflusso idrico globale (D)

 


inteso come la somma dei deflussi superficiali (R) e quelli sotterranei (I)

D = R + I

Sono due valori che vengono indicati come presunti, in quanto non derivati da misure dirette, e sono strettamente legati alla litologia del dominio idrologico , più precisamente dal coefficiente di infiltrazione potenziale (c.i.p.).

(Civita)

Il valore del c.i.p. Viene espresso in % per diversi tipi litologici, le variazioni sono legate a vari fattori quali la pendenza dei versanti, la copertura vegetale, la porosità e/o la fratturazione della roccia.
La porosità e la permeabilità delle rocce sono due costanti importanti che definiscono il grado d'infiltrazione dell'acqua all'interno del sistema. La porosità è la proprietà di contenere spazi vuoti tra gli elementi solidi che le compongono, esprime l’attitudine che ha la roccia ad immagazzinare ed a liberare acqua sotterranea. La permeabilità è la proprietà che hanno le rocce di lasciarsi attraversare dall’acqua quando questa è sottoposta ad un certo carico idraulico e viene divisa in permeabilità per porosità e permeabilità per fessurazione. La permeabilità per porosità è tipica delle rocce porose le quali contengono numerosi piccoli vuoti intergranulari tra loro comunicanti. La permeabilità per fessurazione è tipica delle rocce fessurate le quali contengono generalmente pochi vuoti costituiti da fessure grandi e piccole, quindi la permeabilità esprime l’attitudine che ha la roccia a far defluire l’acqua sotterranea. Nello studio delle acque sotterranee si fa distinzione fra rocce permeabili e rocce impermeabili, a seconda della facilità con cui le acque penetrano, circolano e si distribuiscono nel sottosuolo. In conclusione la porosità influenza la quantità d'acqua che la roccia può assorbire ma è la permeabilità che regola il movimento del flusso idrico.

Porosità di alcuni elementi valore espresso in % (Feliccia)

 

La porosità efficace è la parte di vuoto utilizzabile da un fluido in movimento, questa è una grandezza inferiore in quanto non tutti gli alveoli sono in comunicazione tra loro e abbiano un'ampiezza superiore a 1 micron tale da innescare un movimento del fluido ( acqua gravifica ). Nei calcari il valore del c.i.p. è elevato anche con un valore di porosità efficace relativamente bassa, questo dovuto essenzialmente alla fratturazione e al fenomeno di dissoluzione, che rappresentano per l'acqua sotterranea dei percorsi privilegiati, e confluiscono alla roccia una permeabilità elevata, l'infiltrazione dell'acqua attraverso un sistema di fessure, fratture e piani di stratificazione determinano  anche l'evoluzione e lo sviluppo del sistema carsico, in queste condizioni il deflusso superficiale è quasi sempre trascurabile.