NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Cookies policy

Accesso Utenti

Top Panel
Mercoledì, 22 Novembre 2017

La straordinaria condizione di siccità di questa estate ha portato con sé diversi aspetti, alcuni dei quali mai osservati in precedenza. E’ il ...
Leggi tutto
Da pochi giorni si è concluso il quinto stage di speleologia e chi meglio dei giovani allievi poteva descrivere meglio l'esperienza? Ecco di seguito ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
...Alessandro Gogna ha vissuto lo spirito e la pratica di entrambi questi momenti: <da che mondo è mondo ci sono stati tempi nuovi e sempre ci ...
Leggi tutto
Ero ancora in mezzo al mare per lavoro quando Gigi mi chiamò per questo nuova avventura. Croazia, la terra dei Balcani dove tra bianche spiagge ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
Cosa fare in caso di incidente in grotta, montagna, o in un semplice sentiero? Come aiutare un amico in difficoltà in attesa dell’arrivo dei ...
Leggi tutto
Lo scorso autunno una nutrita squadra di speleo si recò al Bombassei per il suo disarmo, per portare fuori i chilometri di corde che senza ...
Leggi tutto
Domenica 3 Luglio 2016 - Continuano le risalite al MilazzoRisalita al femminile la scorsa domenica all'abisso Franco Milazzo. Durante una veloce ...
Leggi tutto
Speleo Attitude alla fortezza "Firmafede" di Sarzana   23 – 24 aprile 2016. È il terzo anno che il GSLunense ha partecipato al raduno delle ...
Leggi tutto
Prev Next

Ritrovata Miniera di Lignite

 

Sin da bambini avevamo ascoltato storie, racconti e forse leggende sulla “cava dal carbon”. Poi il passare degli anni, il trascorrere del tempo e l’inevitabile scomparsa dei narratori fece pian piano cadere gli antichi ricordi nell’oblio.

 

Complice il X° di Speleologia, un mattino del 2 gennaio del 2011 con l’amico, compagno di mille avventure, decidiamo di seguire la flebile memoria storica rimasta. Uno, due passaggi nella zona dove dovrebbe essere ubicata la miniera ma nulla. Finalmente al terzo passaggio, Fabrizio mi chiama. Ha trovato un buchino lungo una frana, ormai consolidata, lo allarga: è l’entrata della mitica miniera. Fieri della nostra scoperta battezziamo subito quest’apertura di 60 cm. nella terra, “Buca Fogola&Maucci” così, tanto per fare parlare un pochino nostri compaesani.


Qualche tempo dopo armati di corda, luci e macchina fotografica siamo di nuovo davanti all’entrata. Chi entra per primo in quel piccolo buco buio, profondo e stretto, simile ad un vicolo cieco? Da buon “speleologo”, anche se in erba, potevo mica tirarmi indietro !!! Vado con un po’ di titubanza, incertezza e timore. Una volta entrati non vediamo nessuna gigantesca concrezione e neppure eccentriche, anfratti, cunicoli o pozzi ma, si apre una ampia galleria squadrata tagliata nella roccia. Così si materializzati ai nostri occhi, i racconti ascoltati sin da piccini, i cui protagonisti erano giovani marinai come tal Angelo Benvenuto di Monterosso. Al suo interno una serie di animali triglofili: un chiocciola azzurra, una dolicopoda con le sue gambe lunghe e sottili e sul soffitto un pipistrello appeso; sulla destra un geotritone ambrosi. Lungo le pareti sono ancora presenti i fori all’interno dei quali veniva fatto brillare l’esplosivo. Ben visibile è la vena carbonifera che ci accompagna nel buio sino ad un laghetto, che abbiamo dedicato all’inventore della speleologia moderna, il triestino il triestino Walter Maucci. L’acqua è ferma e immobile nei periodi di secca, viceversa è mossa da centinaia di goccioloni provenienti dal soffitto durante le piogge. L’assenza di luce naturale fa si che la miniera s’immerge in profondità verso il buio. Sul fondo del laghetto, cosparso di sassi, che scende inclinato e raggiunge la sua massima profondità circa 2 metri, a ¾ della sua estensione, troviamo alcune parti in ferro di utensili da lavoro. In fondo, nella gelida acqua, individuiamo nella roccia una conchetta; dovrebbe essere la sorgente che lo alimenta. Abbiamo provato a svuotare il laghetto ma, dopo 7 giorni il livello dell’acqua era praticamente invariato.


Questa Miniera di litantrace sita, in Montereggio di Mulazzo (MS), alla base del Monte Carbone, così chiamato perché coloro che abitavano lungo la sua dorsale utilizzavano “una certa terra nera” per alimentare i fuochi. Quello che si sa è che questa miniera, probabilmente come altre miniere, durante 1º Conflitto Mondiale fu classificata come stabilimento ausiliario e fu di fatto militarizzata. I minatori che vi lavoravano vennero vestiti con la divisa della Regia Marina ed esonerati dal servizio militare effettivo. Durante il ventennio, in piena autarchia, il Distretto Minerario di Carrara varò un nuovo progetto per lo sfruttamento della miniera. Tutto finì con l’arrivo dell’8 settembre. Nel 1947 un flebile interessamento dell’allora Ministro degli Interni De Gasperi riportò una lieve attenzione sul sito carbonifero, ma che sfociò in nulla di fatto.