NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Cookies policy

Accesso Utenti

Top Panel
Mercoledì, 26 Luglio 2017

Da pochi giorni si è concluso il quinto stage di speleologia e chi meglio dei giovani allievi poteva descrivere meglio l'esperienza? Ecco di seguito ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
...Alessandro Gogna ha vissuto lo spirito e la pratica di entrambi questi momenti: <da che mondo è mondo ci sono stati tempi nuovi e sempre ci ...
Leggi tutto
Ero ancora in mezzo al mare per lavoro quando Gigi mi chiamò per questo nuova avventura. Croazia, la terra dei Balcani dove tra bianche spiagge ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
Cosa fare in caso di incidente in grotta, montagna, o in un semplice sentiero? Come aiutare un amico in difficoltà in attesa dell’arrivo dei ...
Leggi tutto
Lo scorso autunno una nutrita squadra di speleo si recò al Bombassei per il suo disarmo, per portare fuori i chilometri di corde che senza ...
Leggi tutto
Domenica 3 Luglio 2016 - Continuano le risalite al MilazzoRisalita al femminile la scorsa domenica all'abisso Franco Milazzo. Durante una veloce ...
Leggi tutto
Speleo Attitude alla fortezza "Firmafede" di Sarzana   23 – 24 aprile 2016. È il terzo anno che il GSLunense ha partecipato al raduno delle ...
Leggi tutto
L'Alpinismo Giovanile del CAI ospite del centro polifunzionale del Gruppo Speleologico Lunense Sabato 16 e Domenica 17 Aprile gli Accompagnatori, i ...
Leggi tutto
Prev Next

2-3 giugno 2012 Canyoning in Garfagnana

Una piacevole sorpresa

Quando ho deciso di partecipare al raduno, senza conoscere i torrenti della Garfagnana, le informazioni ricavate da internet erano scarne e non troppo incoraggianti, ma avevo comunque voglia di vedere queste forre.

Sabato mattina ci ritroviamo in quattro (al Decathlon alle 7.15): Anna, Biagio, Domenico e io.
Tra tende, zaini, mute, corde ecc. il bagagliaio è quasi “a tappo”. 
Il cielo è grigio, a tratti plumbeo, sembra stia per piovere e la situazione non è incoraggiante: spero tanto che le aspettative (soprattutto degli altri che ho coinvolto) non vadano deluse.
Poco dopo le 9.00, quando arriviamo al camping Pian d’Amora, (a Coreglia Antelminelli) c’è il sole e fa abbastanza caldo.

Facciamo conoscenza con altri torrentisti e in particolare con Luca Politi il “PISANO”, organizzatore del raduno, che in breve coinvolge e contagia con il suo entusiasmo un bel gruppo, cui ci aggreghiamo volentieri: andiamo al rio delle Pili (o rio Maggiore), un altro gruppo è diretto  al Torrente Ania.

Un po’ per l’allegra compagnia, un po’ perché la forra è comunque abbastanza bella (decisamente meglio di quanto mi aspettassi) il divertimento è notevole e, giunti al salto finale, lo ripetiamo un paio di volte, prima di prendere il sentiero che in breve ci riporta alle macchine, dispiaciuti che sia già finita. Ma non facciamo in tempo a cambiarci che il Pisano scalpita: “chi viene a fare l’Ania?”

Tentiamo di seguirlo, ma non conosciamo la strada e ci semina in pochi minuti.
Più tardi,  carta stradale e scheda della forra alla mano (ormai rassegnati a scendere per conto nostro), riusciamo a ricongiungerci al gruppo che troviamo già pronto ad incamminarsi sul sentiero  avvicinamento. Sono contenti di rivederci, si fermano ad aspettarci e poco dopo partiamo tutti insieme, chiacchierando e scherzando lungo il sentiero, a tratti ingombro di rovi, nonostante il passaggio di quanti ci hanno preceduto in mattinata. 

Anche l’Ania è, per quanto breve, piuttosto bello, con un tratto stretto e buio, incassato tra pareti non altissime ma arrotondate e contorte tanto che talvolta sembrano chiudersi a volta sopra di noi.  Qualche calata, un bel toboga, un salto un po’ delicato, poi giungiamo in breve alla fine della forra, dove c’è una diga con una cascata di circa 15m; peccato che la pozza sottostante sia profonda appena 1,5m, la calata è obbligatoria.

Siamo comunque soddisfatti e dopo una “doverosa” sosta al bar per una birra, rientriamo al camping.
La cena è buona e abbondante, così come il vino,  e il tasso alcolico cresce rapidamente, tra chiacchiere e brindisi, soprattutto in onore di Romano Perotto, 80enne attivissimo torrentista.

La mattina seguente, smontate le tende e pronti a partire, dopo qualche cambiamento di programma, decidiamo in maggioranza di andare al Rio Levigliesi, sempre trainati dal pisano.
Siamo davvero tanti, ma già lungo il sentiero di avvicinamento, che scende ripido dal paese al torrente, ci troviamo spontaneamente divisi in diversi gruppetti.
L’ambiente è davvero notevole, la portata abbastanza sostenuta, e un paio di calate sotto cascata risultano decisamente piacevoli; soprattutto la seconda, che termina sotto un arco naturale di roccia, veramente spettacolare.
Ancora un toboga e un piccolo salto, poi un breve cammino ci porta all’uscita della forra, attraversando un parco avventura.

Infine ci troviamo nuovamente tutti insieme al bar a mangiare e bere prima di salutarci e fare ritorno a casa.
Il viaggio di rientro, passando da Castelnuovo G. è piuttosto lento e arriviamo abbastanza stanchi, ma anche contenti per il bel week-end trascorso.

{qtube vid:=YmwmtvYaFpY w:=530 h:=400 c1:=00ff00 c2:=0000ff b:=1 rel:=1}

{jcomments on}