NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Cookies policy

Accesso Utenti

Top Panel
Martedì, 23 Gennaio 2018

La straordinaria condizione di siccità di questa estate ha portato con sé diversi aspetti, alcuni dei quali mai osservati in precedenza. E’ il ...
Leggi tutto
Da pochi giorni si è concluso il quinto stage di speleologia e chi meglio dei giovani allievi poteva descrivere meglio l'esperienza? Ecco di seguito ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
...Alessandro Gogna ha vissuto lo spirito e la pratica di entrambi questi momenti: <da che mondo è mondo ci sono stati tempi nuovi e sempre ci ...
Leggi tutto
Ero ancora in mezzo al mare per lavoro quando Gigi mi chiamò per questo nuova avventura. Croazia, la terra dei Balcani dove tra bianche spiagge ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
Cosa fare in caso di incidente in grotta, montagna, o in un semplice sentiero? Come aiutare un amico in difficoltà in attesa dell’arrivo dei ...
Leggi tutto
Lo scorso autunno una nutrita squadra di speleo si recò al Bombassei per il suo disarmo, per portare fuori i chilometri di corde che senza ...
Leggi tutto
Domenica 3 Luglio 2016 - Continuano le risalite al MilazzoRisalita al femminile la scorsa domenica all'abisso Franco Milazzo. Durante una veloce ...
Leggi tutto
Speleo Attitude alla fortezza "Firmafede" di Sarzana   23 – 24 aprile 2016. È il terzo anno che il GSLunense ha partecipato al raduno delle ...
Leggi tutto
Prev Next

L' accompagnamento

Pericolo e Rischio:
Pericolo: fattore oggettivo, è legato all’ambiente della montagna e dell'attività speleologica.
Rischio: fattore soggettivo, è graduabile in funzione alla preparazione con cui affronto i pericoli della montagna e dell'attività speleologica.
L’andare in montagna presenta dei pericoli.
Chi va in montagna, sa e non può non sapere che si espone a dei rischi .
È un concetto da ricordare agli accompagnati
La montagna o la grotta sicura non c’è .

Accompagnamento:
Chi è poco avvezzo al rischio si fa accompagnare “Attività umana, con la quale un soggetto (accompagnatore), si unisce ad una o più persone (accompagnati), offrendo collaborazione e protezione, al fine di consentire o favorire lo svolgimento dell’escursionismo , dell’alpinismo, speleologia o torrentismo; limitando così l’assunzione, da parte degli accompagnati, del rischio”, in misura rapportata al livello di affidamento che si determina in ragione del grado di qualificazione dell’accompagnatore e delle capacità dell’accompagnato .

Accompagnatore:
“E’ quella persona che rende possibile qualcosa che altrimenti i soggetti che escono con lui non faranno”. È chi si assume l’onere dell’affidamento, poiché l’accompagnato cerca qualcuno che sopperisca a quella parte di rischio che da solo non intende assumersi sulle proprie spalle

Affidamento:
“fare affidamento equivale a fare conto sull’attenzione, sulla capacità, sulla garanzia fornita da altri, rimettersi all’altrui protezione”, l’impegno di fornire la propria diligente assistenza sia in fase di organizzazione e di esecuzione L’accompagnato, si affida, fa conto sulla capacità dell’accompagnatore, per affrontare le difficoltà connesse all'attività in montagna.
Al crescere del livello di affidabilità dell’accompagnatore, decresce il livello di rischio accettato ed aumenta quello del dovere di protezione.

“L’andare insieme in montagna non instaura, neppure fra i componenti della stessa cordata, nessun rapporto di affidamento, custodia o cura, ai sensi dell’art. 591 c. 1 c.p.; salvo il caso della guida rispetto al cliente o dell’alpinista esperto che conduca uno meno esperto che voglia da lui imparare, secondo un rapporto anche gratuito, purché esplicito”
Sezione istruttoria della Corte di Appello di Torino .

Perché sorga una ipotesi di affidamento è necessario che l’accompagnato non disponga di capacità o esperienza sufficienti a consentirgli di compiere in assoluta autonomia l’uscita cui partecipa. E’ necessario inoltre che l’accompagnatore esprima un consenso in merito all’assunzione del dovere di protezione. Quindi se non c’è consenso non c’è accompagnamento di giuridica rilevanza .