NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Cookies policy

Accesso Utenti

Top Panel
Mercoledì, 22 Novembre 2017

La straordinaria condizione di siccità di questa estate ha portato con sé diversi aspetti, alcuni dei quali mai osservati in precedenza. E’ il ...
Leggi tutto
Da pochi giorni si è concluso il quinto stage di speleologia e chi meglio dei giovani allievi poteva descrivere meglio l'esperienza? Ecco di seguito ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
...Alessandro Gogna ha vissuto lo spirito e la pratica di entrambi questi momenti: <da che mondo è mondo ci sono stati tempi nuovi e sempre ci ...
Leggi tutto
Ero ancora in mezzo al mare per lavoro quando Gigi mi chiamò per questo nuova avventura. Croazia, la terra dei Balcani dove tra bianche spiagge ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
Cosa fare in caso di incidente in grotta, montagna, o in un semplice sentiero? Come aiutare un amico in difficoltà in attesa dell’arrivo dei ...
Leggi tutto
Lo scorso autunno una nutrita squadra di speleo si recò al Bombassei per il suo disarmo, per portare fuori i chilometri di corde che senza ...
Leggi tutto
Domenica 3 Luglio 2016 - Continuano le risalite al MilazzoRisalita al femminile la scorsa domenica all'abisso Franco Milazzo. Durante una veloce ...
Leggi tutto
Speleo Attitude alla fortezza "Firmafede" di Sarzana   23 – 24 aprile 2016. È il terzo anno che il GSLunense ha partecipato al raduno delle ...
Leggi tutto
Prev Next

Progetto O.R.CO.

  • Categoria principale: ROOT
  • Pubblicato: Giovedì, 10 Aprile 2014 16:04
  • Visite: 5941
  • 10 Apr

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Lo studio di un sistema carsico è un'operazione complessa che si protrae nel tempo cercando di fare ipotesi sullo sviluppo e l'evoluzione dello stesso, in cui interagiscono molteplici fattori, legati soprattutto all’assetto geo-strutturale del corpo roccioso in cui il sistema si sviluppa e alle vicende tettoniche e paleo-idrologiche che si succedono nel tempo. Distinguere gli effetti dei primi fattori, che hanno un ruolo essenzialmente passivo, dai secondi, che invece interagiscono attivamente con lo sviluppo del sistema carsico, non è semplice e richiede prima di tutto la modellizzazione tridimensionale accurata delle grotte conosciute. Studi di questo tipo sono di fatto perseguibili sono in quei sistemi dove le esplorazioni speleologiche hanno permesso una conoscenza approfondita del reticolo sotterraneo. Il Complesso Carsico del Monte Corchia (Alpi Apuane, Toscana) è uno dei sistemi carsici maggiormente sviluppati e meglio conosciuti del territorio italiano con uno sviluppo stimato di almeno 60 km e una profondità di 1187 m. La complessità del sistema e la lunga e tormentata storia esplorativa, condotta su molti fronti e da gruppi diversi, hanno reso difficile la stesura e l’aggiornamento di un rilievo completo ( L. Piccini - Talp 46 ).

 

Nel maggio del 2010 ha preso avvio un ambizioso progetto che ha come obiettivo l’aggiornamento del rilievo e la sua digitalizzazione al fine di ricavare il modello tridimensionale del sistema, questo nasce con il nome di progetto O.R.CO. ( Operazione Rilevo Corchia )

Durante l'ultimo campo interno del 27/28/29 dicembre 2013, abbiamo partecipato alla campagna di rilievo nei rami poco disnati dalle "gallerie perdute" in Farolfi, zone che si trovano a tre ore dall'ingresso. Oltre a rilevare zone ormai dimenticate dalle passate esplorazioni, sono state individuate interessanti possibili sviluppi esplorativi, di seguito la relazione di Cristian del GSAV

Località: ramo dei LUPI e gallerie perdute-Antro del Corchia- Stazzema(LU)
Data e 27-12-2013 ora ingresso: 13:00
Data e 29-12-2013 ora uscita: 17:00
Partecipanti: Leonardo Piccini, Eleonora Bettini (GSF), Pietro Bartolini (GSM), Cristian Leonardi (GSAV), Silvio Pierini (GSP), Alessio Agugliaro (USP), Alessandro Cetoloni (CSCS), Paolo Brunettin (GSLunense), Luca Gioan (GSLunense), Susana Livia Crespo (GSLunense).
Condizioni meteo: Esterne: sereno, freddo e un po di neve all’entrata. Sereno, poco freddo e neve sfatta all’uscita.
Interne: nel ramo attivo poca acqua i primi due giorni poi aumento improvviso dovuto a rialzo termico e un po di pioggia.
Materiali lasciati/recuperati: nessuno
Esplorazione/ rilievo: rilievo delle gallerie perdute. Esplorazione della zona vicino al campo base e delle zone rilevate.
Note e Impressioni:
27 dicembre 2013
ci troviamo dalla Piera a Levigliani alle 10:00 del 27 dicembre 2013. Facciamo meno macchine possibili e arriviamo fino a Fociomboli, dove incontriamo la prima e poca neve. Le previsioni meteo promettono bene. Il tempo è ottimo: un po di freddo ma sereno. Ci prepariamo e ci cambiamo alle macchine a parte me e Silvio che ci cambiamo all’ingresso della grotta. Ci contiamo, in tutto siamo in dieci. Un buon numero…ma 15 sacchi (facciamo 14 più un trolley…), tre sacchi piccoli e uno per le corde del primo pozzo. Non male!
All’inizio tutto bene. Si arma qualche pozzo poi l’incertezza…per di qua, no di là, forse è qui, cechiamo di là ma proviamo di giù…facciamo una cosa, mangiamo qui poi si riparte e si vede…e siccome a stomaco pieno si ragiona meglio di quando è vuoto ecco che si torna ad andare avanti!
Certo in una grotta la possibilità di stare nello stretto va messa in conto ma qui ci facciamo passare la voglia…ed ecco i primi passamano coi sacchi. Così nello stretto ci si muove a fatica e l’ingresso sembra più lontano ma dopo una serie di cunicoli, laminatoi e gallerie degne di uno gnomo alle 19:00 arriviamo al campo base.
Ceniamo e ci prepariamo per la notte, chi monta l’amaca e chi si sistema la sabbia. Dopo cena discutiamo del rilievo e delle relative squadre. Facciamo il punto, la zona da rilevare (quella sopra la risalita vicino al campo). Vengono fuori quattro squadre (due da due e due da tre persone). “Kunze e Susana”, “Leonardo e Eleonora”, “Cristian, Luca e Alessandro”, “Pietro, Silvio e Alessio”.

All’ativo cinque trousse da rilievo di cui una con disto modificato (quella del Kunze). Decidiamo di andare a letto presto anche se c’è chi farebbe le ore piccole…
L’indomani è pure previsto l’arrivo di Adriano Roncioni del gruppo di Lucca con altri al seguito ma abbiamo stimato per non prima delle 15:00…, vedremo.

28 dicembre 2013

 

 

Ci svegliamo ale 8:00 dopo una notte insonne fra russa e rumori molesti. Dopo colazione, alle 9:00, siamo già operativi e una volta risalito il pozzo vicino al campo iniziamo a rilevare le varie zone. Alessio si è poi invertito con Susana. Le gallerie subito a destra risalito il pozzo sono state rilevate da me e il Kunze con il disto. (continuano in strettoia). Kunz e Alessio hanno rilevato dei cunicoli nell’altra direzione. Al primo bivio che si incontra, dal pozzo verso sinistra, si prende a destra e si trova un salone fossile che continua in un pozzo. Questa zona è stata rilevata sia da Leonardo e Eleonora che dal Kunze.Susana, Pietro e Silvio sono andati a rilevare la parte più lontana dove al termine di passaggi stretti si apre un grande salone con pozzi da scendere. Io, Luca e Alessandro abbiamo rilevato un ramo laterale stretto, freddo e fangoso fino al caposaldo n°14 di un precedente rilievo (galleria principale) e poi di lì fino al 6. Leonardo ed Eleonora hanno poi rilevato dal punto 6 fino al pozzo e da lì fino al campo base. Finito il rilievo abbiamo fatto un po di esplorazione e abbiamo notato precedenti segni di passaggio quasi ovunque. E’ una zona perlopiù ventosa con alcune zone riparate e asciutte. Se si escludono i saloni le zone non sono comode da percorrere per la presenza di questi meandri larghi e schiacciati. Nel tardo pomeriggio ci ritroviamo tutti al campo mentre Luca e Pietro decidono di scendere nel ramo attivo li accanto. Io gli do una mano. L’arrivo d’acqua è notevole ma a quanto pare scesi alcuni salti la forra continua in fessura impraticabile (secondo la descrizione di Luca e Pietro). La zona nonè stata rilevata. E’ l’ora di cena e così si mangia qualcosa e ci si rilassa anche se rilassati è un parolone viste le dimensioni del campo…altezza massima un metro con alcuni punti in cui si riesce a stare quasi in piedi ma fermi lì…la cosiddetta zona relax!
Nonostante ciò siamo riusciti ugualmente a mettere le amache e a muoverci senza problemi tra moschettoni, corde e fornelli. Il menù è vario: siamo passati dai noodles con aggiunta di dado al cous cous di verdure, bene o male tutte cose che cuociono in fretta. C’è chi si azzarda con il risotto ma ha cenato tardi…
Abbiamo dormito in media 8-10 ore e a parte un po di freddo la prima notte (solo perché mi mancava la tendina sopra l’amaca) si sta bene. Non so gli altri ma anche se mi sono svegliato ripetutamente mi sono alzato riposato.

 

 

 

 

 

29 dicembre 2013
Il giorno 29,domenica e ultimo giorno, dopo una colazione a base di tutto…caffè, tè, minestre varie e formaggio (ci mancava solo il gelato) smontiamo il campo e ci incamminiamo verso l’uscita. Primi a partire il Kunze e Pietro che devono continuare il rilievo fino alla congiunzione per i rami di “-350”, poi con calma io, Eleonora e Luca. A seguire tutti gli altri che, con Leonardo, si mettono a fare le foto da mettere agli atti. In grotta con due sacchi per uno è un pò faticoso ma il passamano prima dell’uscita è stato divertente. Sortiamo di grotta che sono le 17:00 circa (all’attivo 52 ore di permanenza ipogea). Gli ultimi ad uscire circa una ventina di minuti dopo. Fuori non fa freddo, la neve si è sciolta e l’ingresso non tira aria…perfetto!
Una volta che siamo al Vallechiara a Levigliani sistemiamo e smistiamo tutto il materiale e ceniamo lì e finalmente dopo tre giorni in Corchia possiamo mangiare seduti su una sedia. Grazie a Cristian, il prossimo appuntamento per maggio 2014