NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Cookies policy

Accesso Utenti

Top Panel
Lunedì, 23 Ottobre 2017

La straordinaria condizione di siccità di questa estate ha portato con sé diversi aspetti, alcuni dei quali mai osservati in precedenza. E’ il ...
Leggi tutto
Da pochi giorni si è concluso il quinto stage di speleologia e chi meglio dei giovani allievi poteva descrivere meglio l'esperienza? Ecco di seguito ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
...Alessandro Gogna ha vissuto lo spirito e la pratica di entrambi questi momenti: <da che mondo è mondo ci sono stati tempi nuovi e sempre ci ...
Leggi tutto
Ero ancora in mezzo al mare per lavoro quando Gigi mi chiamò per questo nuova avventura. Croazia, la terra dei Balcani dove tra bianche spiagge ...
Leggi tutto
Il Gruppo Speleologico Lunense organizza sotto l'egida della Scuona Nazionale di Speleologia CAI il quarto stage di avvicinamento alla speleologia, ...
Leggi tutto
Cosa fare in caso di incidente in grotta, montagna, o in un semplice sentiero? Come aiutare un amico in difficoltà in attesa dell’arrivo dei ...
Leggi tutto
Lo scorso autunno una nutrita squadra di speleo si recò al Bombassei per il suo disarmo, per portare fuori i chilometri di corde che senza ...
Leggi tutto
Domenica 3 Luglio 2016 - Continuano le risalite al MilazzoRisalita al femminile la scorsa domenica all'abisso Franco Milazzo. Durante una veloce ...
Leggi tutto
Speleo Attitude alla fortezza "Firmafede" di Sarzana   23 – 24 aprile 2016. È il terzo anno che il GSLunense ha partecipato al raduno delle ...
Leggi tutto
Prev Next

Riprese esplorazioni al Gargantua

  • Categoria principale: ROOT
  • Pubblicato: Lunedì, 03 Agosto 2015 20:16
  • Visite: 4513
  • 03 Ago

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Notizie fresche fresche (bagnate) dal fronte Gargantua..


Squadra di punta: Edo e Susana. Siamo entrati verso le 13.00 con materiale da disostruzione per andare a lavorare sul fronte, il buco sul pozzetto stimato 3/4metri su cui ci si arrestò alla precedente uscita, mentre Kunze ci seguiva, occupandosi del riarmo, e Luchino sonnecchiava sotto i faggi all'ingresso. Un po' di lavoro di trapano, punta e mazzetta (il piede di porco non lo avevamo perché bimbo Edo ha deciso di abbandonarlo un paio di pozzi più in alto..eppur ci avrebbe fatto comodo!), ormai a squadra riunita, ci siam calati nel pozzetto, disarrampicabile (anche se arrampicar a Gargantua fa sempre un po' paura..sarà un appiglio solido o fango?!), alto non più di tre metri.  Alla sua base, ta tam, strettoia! Vai di punta e mazzetta (quanto ci sarebbe servito il piede di porco, Edoooo!), un po' di fango di qui, un po' di fango di lì, e tento il passaggio. Aldilà una stanzetta, larga, in cui si sta in piedi, più complessa delle altre. Dal soffitto intravedo la luce di Edo che non ha ancora sceso il saltino e che è fermo in quella che avevamo ipotizzato esser appunto la parte alta di un meandro. Non solo le forme della stanzetta son più complesse, ma anche il movimento dell'aria: l'aria si infila nel solito meandro/strettoia stretto stretto che parte in fondo alla stanza, ma arriva anche da una finestrella  sulla parete. Martella di qui, martella di li, e si passa! Da qui l'aria vien sempre dall'alto, attraverso una fessura lunga due metri oltre la quale  si vede del largo, e in parte se ne va da un altra strettoia.
Gargantua continua, certo non a ritmo frenetico, ma continua..
Bell'uscita..tutto sommato produttiva, abbiam risolto ben due trabocchetti! Magari la prossima volta arriviamo al galeone di willy l'orbo